E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Shopper Vivi Appassionatamente nera

    Shopper Vivi Appassionatamente nera
    Prezzo: 10,00 €

    Rinnova il tuo stile, porta con te ciò che hai più a cuore! Sono......

    approfondisci
  • T-Shirt Vivi Appassionatamente Donna (PRODOTTO ESAURITO)

    T-Shirt Vivi Appassionatamente Donna (PRODOTTO ESAURITO)
    Prezzo: 20,00 €

    PRODOTTO TEMPORANEAMENTE ESAURITO Vivi Appassionatamente, dillo a tutti! Acquistando la......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Bambini: liberi di sperimentare crescono meglio. Impariamo...

News

Bookmark and Share
Bambini: liberi di sperimentare crescono meglio. Impariamo a gestire i rischi senza ansia
Bambini: liberi di sperimentare crescono meglio. Impariamo a gestire i rischi senza ansia

Quante volte da bambini vi siete arrampicati coraggiosamente su un albero, avete osato avventurarvi in luoghi sconosciuti o giocato sopra le righe prendendo rimproveri dagli adulti?

L’esperienza del rischio, è ampiamente dimostrato in letteratura scientifica, è fondamentale nella vita di un bambino, perché lo aiuta a sviluppare capacità motorie, cognitive e sociali. Le sfide emozionanti e la gioia che consegue dal riuscire ad affrontarle rilasciano nel cervello molta dopamina, un neurotrasmettitore che secondo i neuroscienziati stimola il fissaggio delle esperienze di apprendimento.

E’ vero a tal punto che diversi asili nido in tutto il mondo stanno orientando i loro programmi didattici verso una maggiore integrazione tra didattica tradizionale e attività fisica all’aperto, restituendo ai bambini gli spazi naturali. I progetti educativi di Fondazione Patrizio Paoletti, concepiti, costruiti ed elaborati costantemente sulla base dei risultati della ricerca neuroscientifica, privilegiano da sempre un "coinvolgimento attivo" dei bambini tramite laboratori e attività ludiche, assegnando alla componente fisico-motoria un ruolo fondamentale nel loro processo di crescita.

Fermo restando che la protezione della salute di un bambino è compito non delegabile di ogni genitore, è importante distinguere tra protezione e quella che il sociologo Frank Furedi dell’Università del Kent ha definito “genitorialità paranoica”.

Il gioco, l’attività fisica e lo spirito d'avventura devono trovare spazio nella vita di un bambino. Un articolo pubblicato su “Mente e cervello” (n.98, anno XI, febbraio 2013), tratta l’argomento sostanziandolo con l’analisi di alcune ricerche scientifiche.

La psicologa norvegese Ellen Sandseter del Queen Maud University College di Trondheim, ad esempio, ha osservato i giochi di un gruppo di bambini e le reazioni dei loro genitori. La ricercatrice ha evidenziato 6 rischi che i bambini prediligono istintivamente: le grandi altezze (es. arrampicarsi sugli alberi), l’alta velocità (es. giocare con uno skateboard), scorazzare e azzuffarsi con gli amici, avventurarsi in luoghi pericolosi, provare il brivido di perdersi, giocare con attrezzi pericolosi.

Ciò che muove quest’istinto irrefrenabile verso il rischio, secondo la studiosa, è la volontà del bambino di sondare i propri limiti e quelli imposti dall’ambiente circostante, per superarli gradualmente. Così egli sarà in grado di vincere le paure, sviluppare fiducia nelle proprie capacità, imparare a muoversi con dimestichezza e valutare correttamente le situazioni, acquisendo sicurezza per tutta la vita.

D’altronde gli effetti positivi del movimento sul cervello sono ampiamente dimostrati. Il ricercatore canadese Francois Trudeau ha affermato che un’ora di sport al giorno rinforza i bambini non solo fisicamente, ma anche mentalmente. Lo studioso ha dimostrato in laboratorio che i bambini attivi ottengono performance cognitive migliori rispetto agli altri. Di contro, l’inattività fisica riduce la fiducia in se stessi e favorisce l’insorgere di problemi psichici.

Sta ai genitori gestire il rischio. La giusta apprensione per i pericoli non deve divenire ansia, sentimento che i figli avvertono e che consolida in loro l’idea che il mondo sia un luogo inaccessibile. Se è vero che tramite il rischio affiniamo i processi cognitivi e acquisiamo esperienza, è altrettanto vero che chi non vive liberamente l’avventura sin da piccolo può anche acquisire paura dell’esperienza.

Scopri i progetti educativi di Fondazione Paoletti: Junior Training  |  Genitori capaci  |   Assisi International School