E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Biglietto "Mille cuori"

    Biglietto "Mille cuori"
    Prezzo: 2,00 €

    A San Valentino, diglielo con i regali del cuore! Rendi il tuo messaggio d'amore ancora più......

    approfondisci
  • Tazza: "Se esiste un io..." (PRODOTTO ESAURITO)

    Tazza: "Se esiste un io..." (PRODOTTO ESAURITO)
    Prezzo: 5,00 €

    PRODOTTO MOMENTANEAMENTE ESAURITO Tazza da collezione 21Minuti - I saperi dell'eccellenza (MINI......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Quadrato Motor Training: implicazioni per il trattamento di...

News

Bookmark and Share
Quadrato Motor Training: implicazioni per il trattamento di Alzheimer e Parkinson. Il contributo della Fondazione Paoletti al SAN2016 Meeting di Corfù
Quadrato Motor Training: implicazioni per il trattamento di Alzheimer e Parkinson. Il contributo della Fondazione Paoletti al SAN2016 Meeting di Corfù

di CIRO SCATEGNI

Nei Paesi occidentali il cervello è l’organo più esposto alle malattie, lo dicono i numeri. Le patologie neurologiche come l’Alzheimer, il Parkinson o la sclerosi multipla hanno superato quelle cardiovascolari e i tumori (Società Italiana di Neurologia, ottobre 2016). Solo in Italia oggi un milione di italiani sono colpiti da demenza, mentre circa 200mila soffrono di Parkinson.

Il mondo della ricerca scientifica è unanime nell’affermare che la sfida contro le malattie del cervello, specialmente quelle neurodegenerative, è da vincere in tempi brevi perché questi numeri sono destinati ad aumentare.

Fondazione Paoletti ha portato il suo contributo al SAN2016 Meeting, evento internazionale a cui partecipano ogni anno Università, enti ed istituti di ricerca neuroscientifica di tutto il mondo, presentando le implicazioni delle scoperte sul Quadrato Motor Training nel trattamento delle malattie di Alzheimer e Parkinson.

Il SAN2016 è stato organizzato dal 6 al 9 ottobre a Corfù dalla Society of Applied Neuroscience in collaborazione con la Medical School dell’Aristotle University di Salonicco e con il Dipartimento di Neurologia del Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences.

Visita il sito della Conference

Tal Dotan Ben-Soussan, direttore del Dipartimento di ricerca neuroscientifica della Fondazione, ha presentato alla conferenza i risultati di alcuni studi sul Quadrato Motor Training (QMT), la tecnica motoria ideata da Patrizio Paoletti e oggetto di ricerca da parte della Fondazione e di numerosi Enti e Università in tutto il mondo.

Queste ricerche hanno dimostrato che questo schema motorio, praticato in condizioni controllate, può incrementare nel cervello la plasticità e la sincronizzazione neuronale, migliorando prestazioni cognitive come l’attenzione, la creatività e i tempi di risposta (spesso compromessi da malattie neurodegenerative come il Parkinson) la cognizione spaziale (compromessa da malattie come l’Alzheimer) o la capacità di lettura (compromessa nelle persone dislessiche).

“Il modello corrente e I risultati ad esso collegati - ha affermato la dott.ssa Ben-Soussan - possono avere implicazioni significative nel campo delle neuroscienze applicate, in generale, e in modo specifico per il trattamento delle condizioni di neurosviluppo e neurodegenerazione, incluse le malattie di Alzheimer e di Parkinson”.

Presentando al SAN2016 i meccanismi attraverso cui questa tecnica motoria produce tali miglioramenti, il direttore del Dipartimento di ricerca neuroscientifica della Fondazione ha sottolineato quanto sia importante oggi indagare, più approfonditamente e con un approccio multidisciplinare, le implicazioni che il movimento può avere sulla salute del cervello con l'obiettivo di prevenire o contrastare le malattie e promuovere il benessere cognitivo, fisico ed emotivo dell’uomo a qualsiasi età.